frantoio-agricole-negro-valiani_1

Il frantoio, cuore dell’azienda

È qui da sempre. È sempre stato un frantoio e, contemporaneamente, la residenza della famiglia Negro Valiani. Situato nelle immediate vicinanze della stazione ferroviaria, anche per agevolare, un tempo, il trasporto delle merci, conserva memoria della vecchie macchine per cavare l’olio: le macine in granito, le presse idrauliche, i tanti attrezzi di una volta…

ieri_frantoio-agricole-negro-valiani-in

È il cuore pulsante dell’azienda: qui troverete l’opificio, i locali per la conservazione e l’imbottigliamento dell’olio a temperatura controllata e in atmosfera protetta.

oggi1_frantoio-agricole-negro-valiani-in

Qui troverete gli uomini e le donne che quotidianamente creano con le proprie mani le confezioni, curano ogni dettaglio, accolgono coloro che vengono a trovarci per conoscere i nostri prodotti.

Da qui partono le confezioni con i prodotti che avete ordinato: arriveranno nelle vostre case accompagnate dalla tanta passione che mettiamo in ogni cosa che facciamo.

oggi2_frantoio-agricole-negro-valiani-in

In frantoio la tecnologia aiuta molto il processo produttivo: termometri, sensori di livello, elettrovalvole, display e inverter, ognuno di loro ha una funzione specifica e monitora una fase. Ma sopra tutti, la maestria e l’arte del frantoiano dominano ogni processo.

Acciaio inox, vasche a ridotto scambio gassoso, pompe con movimenti delicati e soffici per non stressare la pasta di olive e l’olio: tutto contribuisce al miglioramento del prodotto finale. Ai più passano inosservati, ma sono proprio i particolari costruttivi e le attenzioni nella conduzione dell’impianto di trasformazione a fare la differenza… anzi un prodotto differente, un olio che non è olio che unge, ma olio che condisce.

oggi3_frantoio-agricole-negro-valiani-in

Questo luogo, ogni anno, per 50 giorni, si trasforma in uno scrigno di profumi: succede spesso che i passanti si fermino a sentire il profumo delle olive appena frante. Sono profumi così intensi e inebrianti, che si spandono nell’intorno e annunciano che la stagione delle olive è cominciata.
Succede così ogni prima decade di ottobre: le persone sono affascinate da tutto ciò e spesso domandano “com’è la stagione ques’anno?”…  Perchè ogni anno è una sorpresa, ogni stagione è diversa da tutte le altre, ogni frangitura è un’emozione e quasi una dolce attesa.

Lascia un Commento